Informazioni sull’esame

La Tac dentascan è una procedura a cui si ricorre quando una tradizionale radiografia dentale o facciale si rivela insufficiente. Permette, attraverso una tipologia speciale di macchina a raggi X, di ottenere in un’unica scansione immagini tridimensionali di denti, tessuti molli, vie nervose ed ossa nella regione cranio-facciale.

A cosa serve la tac dental scan

In genere, si ricorre alla tac dental scan per il trattamento di problemi ortodontici ma anche per casi più complessi, come ad esempio:

  • Diagnosi di disturbo dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM);
  • Pianificare interventi sui denti inclusi;
  • Analisi cefalometrica;
  • Chirurgia ricostruttiva;
  • Localizzazione dell’area precisa da cui origina un dolore o una patologia;
  • Rilevazione, misurazione e trattamento dei tumori della mascella;
  • Analisi delle condizioni di mascella, seni, canali nervosi e cavità nasale;
  • Posizionamento degli impianti dentali

Come prepararsi

La tac ai denti non richiede una preparazione speciale. Al paziente potrebbe essere chiesto, prima dell’inizio dell’esame, di rimuovere qualsiasi cosa possa interferire con l’imaging (apparecchi acustici, gioielli, occhiali etc.).

Si consiglia al paziente di portare con sé eventuali apparecchi odontoiatrici mobili. Sebbene sia molto probabile che debbano essere rimossi prima del test, lo specialista potrebbe ritenere necessario esaminarli.

Le donne in stato di gravidanza dovrebbero sempre informare il medico prima del test, soprattutto in considerazione del fatto che la dental scan comporta l’impiego di un fascio di raggi X dotato di una concentrazione maggiore di radiazioni in confronto ad una normale radiografia.

Caratteristiche dell’apparecchiatura

L’esame prevede l’utilizzo di uno scanner CT a raggio conico, macchine di forma quadrata formate da una sedia o da un tavolo collegato allo scanner, così da dare al paziente la possibilità di sedersi o di sdraiarsi durante l’esame. Questa apparecchiatura si compone anche di un intensificatore di immagini a raggi X e di un rivelatore.

Come si fa una tac dentale

Durante la tac dentale, un cavalletto ruota attorno alla testa compiendo un giro completo di 360 gradi. Le immagini vengono catturate da diverse angolazioni e poi ricostruite per creare un’unica immagine tridimensionale. Il rivelatore è in grado di generare fino a circa 200 immagini bidimensionali.

Indipendentemente dal fatto che venga utilizzata una sedia o un lettino, obiettivo del medico è di posizionare il paziente in maniera tale che l’area da analizzare sia centrata nel raggio. Affinché la sorgente dei raggi X ed il rivelatore eseguano correttamente il movimento di rotazione è necessario che il paziente. rimanga il più possibile fermo.

Nel corso della tac dentascan, il paziente non avvertirà particolari fastidi, al punto che dopo l’esame potrà regolarmente riprendere le sue attività.

Quanto dura una tc dentascan

La durata della tac dentascan dipende dall’area analizzata. Se l’esame si concentra su una sola delle arcate dentarie (superiore o inferiore), la durata è di circa cinque minuti. Al contrario, se la tc dentascan prevede un esame completo e, dunque, comprensivo di entrambe le arcate i tempi sono stimati in dieci minuti circa.

Dove farla a Napoli

Grazie alle speciali apparecchiature presenti presso il Centro Igea Sant’Antimo, è possibile prenotare una tac dentale sia nella sede di Napoli che in quella di Sant’Antimo.

 

Richiesta informazioni

Compila il seguente modulo in ogni suo campo. Verrai ricontattato il prima possibile dal nostro personale che saprà rispondere a tutte le tue domande e saprà darti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

La tuo cellulare (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Preso atto dell'informativa al trattamento dei dati personali, l'utente:

esprime il consenso al trattamento per finalita' di cui all'art 3 lettere a) dell'informativa.