I cellulari non provocano infertilità, ma gli esperti suggeriscono alcuni consigli

Potresti aver sentito più volte che portare il cellulare in tasca può danneggiare il tuo sperma e portare alla sterilità. Ma secondo gli esperti della Società Italiana di Andrologia (Sia), attualmente, almeno per insufficienza di prove, non sembrano esistere dati conclusivi tali da sconsigliare di portare in tasca un telefonino. Fabrizio Palumbo, responsabile scientifico della Sia, afferma che “dagli studi emerge che le onde elettromagnetiche dei cellulari potrebbero dare interferenze di natura termica sull’asse che dall’ipotalamo va alle gonadi; sempre per il calore generato dalla batteria, possono danneggiare l’apparato genitale maschile se vi vengono tenuti molto vicino perché, com’è noto, i testicoli sono molto sensibili all’ipertermia. Tutto ciò emerge dai modelli animali in vitro, ma è molto meno chiaro quali siano le conseguenze sulla fertilità quando si passa ad analizzare che cosa accade nell’uomo”.

Esistono altri fattori

Effettivamente, come già suggerito in precedenza da altri ricercatori, piuttosto che concentrarsi sulla variabile del cellulare è più importante esaminare altri fattori quando si tratta di determinare la fertilità dell’uomo. Sono numerose le costanti legate allo stile di vita, come la dieta, il fumo, l’uso di droghe e alcol, lo stress. Inoltre, sono sempre di più le persone che aspettano fino ad una certa età prima di concepire, quindi, che l’infertilità sia un aumento non deve stupire. Anche gli inquinanti ambientali potrebbero svolgere un ruolo. Gli alimenti contenenti pesticidi potrebbero influire sulla qualità e sul conteggio degli spermatozoi. Le malattie renali, del fegato, gli squilibri, sono tutti elementi da considerare, e che allo stato attuale, meritano maggiori attenzioni.

Piccoli accorgimenti

Ad ogni modo gli esperti ci suggeriscono 5 accorgimenti per non andare incontro a rischi:

non tenere il cellulare nella tasca anteriore dei pantaloni perché troppo vicino agli apparati genitali;

navigare online solo quando la ricezione del segnale è ottima, in modo da ridurre le emissioni delle onde elettromagnetiche;

non tenere il telefono sul grembo;

non ricorrere a sistemi commerciali per diminuire l’esposizione alle onde, perché non ci sono prove della loro efficacia;

limitare l’uso dello smartphone ai bambini al di sotto dei 10 anni. 

Le informazioni fornite in questo articolo hanno natura generale e sono pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere del medico

2019 © Copyright - Gestione Centro di Diagnostica Radiologia ed Ecografica srl - P.Iva 01330151216 - C.F. 04386980637 - REA 359055 - Cap.Soc. €224.000,00