dermatologo igea controlla un neo

I nei (detti anche nevi) sono macchie causate dall’accumulo di melanociti, le stesse cellule che producono la melanina, il pigmento responsabile del colore della pelle e dell’abbronzatura.

Un neo è per sempre

I nei possono essere congeniti, cioè presenti sin dalla nascita, o possono apparire nel corso della vita. Anche le lentiggini sono nei. In realtà i nei sono delle vere e proprie lesioni cutanee anche se sono un fenomeno naturale nella pelle, ma possono destare sospetti quando si modificano nel tempo o presentano una struttura atipica.

Neo normale o atipico?

I nei possono definirsi normali quando sono di piccole dimensioni, piatti o leggermente rilevati, in genere tondeggianti o comunque di forma regolare. Quando un neo assume una forma diversa, irregolare, cambia colore, cresce, prude e ha una forma frastagliata, è il caso di rivolgersi a un dermatologo.

L’esame dermatoscopico

L’esame dermatoscopico permette di esaminare la cute grazie a un forte ingrandimento, in grado di aumentare la capacità di diagnosi del dermatologo per valutare le caratteristiche di ogni lesione cutanea.

Cos’è la mappa dei nei

La mappatura dei nei serve a capire se uno o più nei nel tempo cambiano aspetto e diventano pericolosi, in modo da asportarli e prevenire quindi la loro degenerazione in melanoma.
Le foto dei nei rilevate dal dermatologo vengono numerate e archiviate per poterle confrontare con le immagini rilevate nei mesi o anni successivi. In questo modo il dermatologo potrà notare segni di modificazioni non riconoscibili a occhio nudo.

Tutti possono sottoporsi alla mappa dei nei, ma per farlo occorre non essere abbronzati.

2019 © Copyright - Gestione Centro di Diagnostica Radiologia ed Ecografica srl - P.Iva 01330151216 - C.F. 04386980637 - REA 359055 - Cap.Soc. €224.000,00