IGEA-mal-di-testa

Insonnia, mal di testa (cefalea), vertigini. E se fosse “colpa” delle reti wireless, ossia “senza fili”, meglio conosciute come wi-fi?
Gli studi scientifici dimostrano che a livello del sistema nervoso centrale (SNC) le onde elettromagnetiche provenienti da dispositivi senza fili possono “eccitare” il cervello e in particolar modo la corteccia cerebrale, ma non ci sono dati certi che tale esposizione possa aumentare il rischio o determinare la comparsa di qualche tumore cerebrale. Invece, è molto più verosimile, come evidenziato anche da un recentissimo studio australiano, che le radiofrequenze non ionizzanti possano comportare la comparsa di alcuni sintomi quali l’insonnia, il mal di testa (la cefalea), le vertigini, gli acufeni e le disestesie.

Emicrania e wi-fi vanno d’accordo?

L’emicrania è una delle forme di cefalea più invalidante, dovuta a una disfunzione primaria del sistema nervoso centrale. Questo disturbo potrebbe peggiorare in seguito a un’esposizione cronica a questo fattore ambientale e quindi cronicizzare con più di 15 giorni al mese di cefalea. Sono tuttavia indispensabili nuovi studi scientifici per avvalorare questa ipotesi ma è comunque importante consigliare a chi è affetto da una forma di cefalea ad alta frequenza l’uso del telefono fisso con il filo, del cellulare con il vivavoce e lo spegnimento del wi-fi durante le ore notturne.

Uso limitato del cellulare per i bambini

Inoltre un’altra raccomandazione è anche quella di limitare l’uso dei cellulare ai bambini cefalalgici fino ai 14-15 anni essendo più sensibili rispetto agli adulti alle onde elettromagnetiche e potendo anch’essi sviluppare una forma cronica di cefalea scarsamente responsiva ai farmaci.

I contenuti di questo articolo sono pubblicati solo a scopo informativo, pertanto non sostituiscono il parere del medico.

2019 © Copyright - Gestione Centro di Diagnostica Radiologia ed Ecografica srl - P.Iva 01330151216 - C.F. 04386980637 - REA 359055 - Cap.Soc. €224.000,00